Famous Dolls stories

Sasha dolls

Sasha dolls2
Two Sasha dolls

Sasha Dolls arrived in Italy in the eighties, only in Galt Toys chain shops. Then, I realized that they were dolls that I would have loved as a child. It was too late for me so I bought one of them for my youngest daughter, hoping in vain the Sasha’s could become her favorite doll, but it didn’t. I asked her why and she didn’t know, finally, she said the doll was too serious. Actually, the expression was what I most liked in her, and I remembered how much as a child I hated those dolls with a fake and winking smile, too artificial! I remembered also that, in my childohood, I was looking in vain for dolls that reproduced children that made me sympathetic: intelligent, able to organize a game with little, while the child model proposed by commercial dolls was that of adults in miniature even when they had the children proportions. Instead, Sasha dolls finally met my expectations. After all, Sasha dolls were marketed by Galt Toys, a provider of educational toys, alternative to those of the big industry that so loudly advertised their products in commercial TV.

Studying her biography, I realized that the creator of the Sasha dolls, Sasha Morgenthaler

Sasha Morgenthaler
Sasha Morgenthaler, the creator of Sasha dolls

(1893-1975), had the intention to create dolls characterized by realistic expressions and not artificially exaggerated smiles. Quoting Juliette Peers (author of “The Fashion Doll: From Bebe Jumeau to Barbie”): “Sasha dolls are renowned for possessing a solid intellectuality.” Morgenthaler, in fact, created face sculpts for her dolls with subtle expressions, not artificially exaggerated smiles: her concern was that children surviving the horrors of WWII would not relate to such happy dolls in times of terror. It was said of Morgenthaler herself, as a child, that “When she was sad, she did not like her dolls uncompromising smiles. Once she grabbed a nail file and scraped off her doll’s false grin…” In her own words, “No grotesque caricature can awaken a child’s true feelings. A piece of wood, barely carved, is far superior to a conventional doll with an exaggerated smile.”

 

Aisha.jpg
Aisha, 46 cm tall Zisa doll

This is exactly my believe, and my ambition would be giving to volunteers files and tutorials to make Zisa Dolls with migrant children, traumatized by the sea voyage and the detention in reception centers.In fact, I hope that with the help of volunteers they can make their own transitional object, dolls that have a realistic expressions and their skin color. Maybe this could be a step towards the recovery of affectivity, giving children time to gain a real smile, without imitating habits and expressions of the newly alien world.

 

Coming back to Sasha Morgenthaler, her background is also very interesting (quoting Wikipedia):

Sasha Morgenthaler was an artist working most often in sculpture and paint; her early life was enriched by visits to the von Sinner family home from great artists such as Paul Klee, who supervised her artistic education and introduced Morgenthaler to members of the Der Blaue Reiter such as Wassily Kandinsky. Paul Klee orchestrated Morgenthaler’s entry to the School of Fine Arts at Geneva. Morgenthaler married fellow artist Ernst Morgenthaler.

Morgenthaler decided in the 1960s to mass-produce dolls at reasonable prices after years of making dolls herself for the studio, on commission, and for private individuals. Two companies were licensed to produce the dolls: Götz in Germany and Frido (later Trendon) in the UK. Production in Germany ran from 1965 to 1969 and from 1995 to 2001, while the UK production ran from 1966 to 1986.

Dolls were produced in different styles, wearing different clothes, and with subtle variations (mostly in painting) that individualize and particularize each. Asymmetrical and made of hard vinyl with elastic stringing enabling them to take poses, Sasha dolls are characterized by a serious, open expression that seems to make them more adaptable to imaginative play than if they were forever smiling.

Morgenthaler’s original idea was for the dolls to represent an image of universal childhood, so from the beginning of mass-production, the vinyl was coffee-coloured so that they would not appear to belong to any one ethnic group. In the early 1970s, black dolls were introduced, first in an extremely dark complexion, then in a lighter complexion in the latter part of the decade. Around 1980, the “skin” tone of most of the “Caucasian” dolls was lightened.

Dolls come in girl, boy, baby, and (beginning in the last production cycle) toddler versions. Girl and boy dolls are 16 inches or so tall, while babies and toddlers are 11–12 inches. Babies have curved arms and legs and do not stand. When first introduced, baby dolls were sexed with stylised genitals, but the practice was discontinued. Dolls have rooted hair in brown, blonde, red, or black, though some “limited edition” dolls had wigs. Clothes sets were available, though some clothes came only with the purchase of a doll and were not available separately.

The generic name for the dolls is “Sasha” after their creator. Some dolls have their own names, however. During the 1960s, 1970s, and 1980s, “Caucasian” boy dolls were known as “Gregor”, black girl dolls were known as “Cora”, and black boy dolls were known as “Caleb”. When production resumed in 1995, many of the dolls were given individual names by the manufacturer, but all are still identified by the collective name of “Sasha”.

Now that production has ceased, the dolls are becoming more and more collectible. Various generations of Morgenthaler’s Sasha dolls are available for viewing at the Puppenmuseum Sasha Morgenthaler in Switzerland. Here visitors may also view related archival holdings and other works of art by Morgenthaler.

Sasha Morgenthaler is therefore my inspirer and her story manages to give sense to my senile activity, that of making “Zisa Dolls”; especially when I’m afraid to be like Colonel Aureliano Buendia in “A Hundred Years of Solitude” (Gabriel Garcia Marquez) , who in the third age used to make goldfish and then melting the metal to make others.

Sasha dolls
A big Sasha dolls group, with boys, girls and babies of different skin colours

 

Le Sasha Dolls sono arrivate in Italia solo negli anni ottanta, e soltanto nelle catene Galt Toys. Ma in quel momento ho capito che erano le bambole che avrei amato da bambina. Era troppo tardi per me, così ne comprai una per la mia figlia più piccola, sperando invano che la Sasha diventasse la sua bambola preferita, ma non successe. Le chiesi il perché e lei non riusciva a capirlo, poi finalmente mi disse che la bambola era troppo seria. In realtà, l’espressione seria era ciò che più mi piaceva nella Shasha Doll, e ricordavo quanto da bambina odiassi quelle bambole con un sorriso finto e ammiccante, troppo artificiale! Ricordavo anche che, nella mia infanzia, cercavo invano bambole che riproducessero bambini a me simpatetici: intelligenti, seri, capaci di organizzare un gioco con poco, mentre il modello infantile proposto dalle bambole commerciali era quello degli adulti in miniatura, anche quando avevano le proporzioni di bambini. Al contrario, le bambole Sasha avevano finalmente soddisfatto le mie aspettative. Dopotutto, esse venivano commercializzate dalla Galt Toys, un fornitore di giocattoli educativi, alternativo a quelli della grande industria che pubblicizzavano chiassosamente i propri prodotti in TV.

Sasha doll artisanal
An early, artisanal edition, of Sasha doll

Studiando la sua biografia, mi sono resa conto poi, che la creatrice delle bambole Sasha, Sasha Morgenthaler (1893-1975), era stata spinta dall’intenzione di creare bambole caratterizzate da espressioni realistiche e non con sorrisi artificialmente esagerati. Citando Juliette Peers (autrice di “The Fashion Doll: da Bebe Jumeau a Barbie”): “Le bambole Sasha sono rinomate per il possesso di una solida intellettualità.” Morgenthaler, infatti, creò delle sculture per le sue bambole con espressioni sottili, non con sorrisi artificiali esagerati: la sua preoccupazione era che i bambini sopravvissuti agli orrori della Seconda Guerra Mondiale non si riferissero a bambole così felici nei momenti di terrore. È stato detto da Morgenthaler stessa che “Quando da bambina era triste, non le piacevano i sorrisi stereotipati delle sue bambole, così afferrava una limetta per unghie e raschiava il falso sorriso della sua bambola …” Con le sue stesse parole: ” Nessuna caricatura grottesca può risvegliare i veri sentimenti di un bambino: un pezzo di legno, appena scolpito, è di gran lunga superiore a una bambola convenzionale con un sorriso esagerato. ”

Sasha Morgenthaler 1
Sasha Morgenthaler, the creator of Sasha dolls

Questo è esattamente il mio credo, e la mia ambizione sarebbe quella di dare ai volontari  di associazioni umanitarie file e tutorial per costruire Zisa Dolls con bambini migranti, che sono traumatizzati dal viaggio per mare e dalla detenzione nei centri di accoglienza. In effetti, spero che con l’aiuto di volontari essi possano creare il loro oggetto transizionale: bambole con un’espressione realistica e col colore della loro pelle. Forse questo potrebbe essere un passo verso il recupero dell’affettività, dando ai bambini il tempo di esprimere un vero sorriso, senza imitare le abitudini e le espressioni del nuovo mondo alieno.

Tornando a Sasha Morgenthaler, il suo background è anche molto interessante (citando Wikipedia):

Sasha Morgenthaler era un’artista che lavorava principalmente come scultrice e pittrice; la sua prima giovinezza è stata arricchita dalle visite alla casa della famiglia Von Sinner e dalla frequentazione di grandi artisti come Paul Klee, che ha supervisionato la sua formazione artistica e ha presentato Morgenthaler ai membri del Der Blaue Reiter, come Wassily Kandinsky. Paul Klee ha suggerito invece l’ingresso di Sasha Morgenthaler alla Scuola di Belle Arti di Ginevra. Sasha Morgenthaler ha poi sposato il collega artista Ernst Morgenthaler.

Morgenthaler decise negli anni ’60 di produrre bambole a prezzi ragionevoli dopo anni di creazione di bambole artigianali, su commissione e per privati. Due società furono autorizzate a produrre le sue bambole: Götz in Germania e Frido (successivamente Trendon) nel Regno Unito. La produzione in Germania andò dal 1965 al 1969 e dal 1995 al 2001, mentre quella nel Regno Unito dal 1966 al 1986.

Le bambole sono state prodotte in stili diversi, con un vasto guardaroba e sottili variazioni (principalmente nella pittura) che le individualizzano e le rendono uniche. la versione commerciale era realizzata in vinile rigido con corde elastiche che consentivano le varie pose, le bambole Sasha erano caratterizzate da un’espressione seria e sincera che sembrava renderle più adattabili al gioco immaginativo, rispetto a quelle di largo consumo che invece erano sempre sorridenti.

L’idea originale di Morgenthaler era che le bambole rappresentassero un’immagine di infanzia universale, quindi fin dall’inizio della produzione di massa, il vinile era color caffè in modo che non sembrasse appartenere a nessun gruppo etnico. Nei primi anni ’70 furono introdotte le bambole nere, dapprima in una carnagione estremamente scura, poi, nell’ultima parte del decennio, in una carnagione più chiara. Intorno al 1980, il tono della “pelle” della maggior parte delle bambole “caucasiche” fu alleggerito.

Le bambole erano in versione bambino o bambina e (a partire dall’ultimo ciclo di produzione) neonato. Le bambole bambino o bambina erano alte 16 pollici, mentre i neonati 11-12 pollici. I neonati avevano braccia e gambe ricurve e non stavano in piedi. Quando furono introdotte per la prima volta, le bambole per maschili furono corredate da genitali stilizzati, ma la pratica fu interrotta. Le bambole avevano i capelli radicati in marrone, biondo, rosso o nero, anche se alcune bambole in edizione limitata avevano parrucche intercambiabili. Erano disponibili anche dei set di vestiti oltre a quelli che corredavano le bambole, ma erano in edizione limitata.

Il nome generico per le bambole è “Sasha” dal nome della creatrice, ma alcune bambole hanno il proprio nome. Durante gli anni ’60, ’70 e ’80, le bambole “caucasiche” erano conosciute come “Gregor”, le bambole nere erano conosciute come “Cora”, e le bambole nord africane erano conosciute come “Caleb”. Quando la produzione riprese nel 1995, molte delle bambole ricevettero nomi individuali, ma tutte sono ancora identificate dal nome collettivo di “Sasha”. Ora che la produzione è cessata, le bambole sono molto richieste dai collezionisti. Diverse generazioni di bambole Sasha Dolls sono visitabili al Puppenmuseum Sasha Morgenthaler in Svizzera. Qui i visitatori possono vedere anche altre opere d’arte di Sasha Morgenthaler.

Sasha Morgenthaler è quindi la mia ispiratrice e la sua storia riesce a dare un senso alla mia attività senile, quella di creare le “Zisa Dolls”; specialmente quando ho paura di essere come il colonnello Aureliano Buendia in “Cent’anni di solitudine” (Gabriel Garcia Marquez), che nella terza età era solito creare pesciolini d’oro e poi fondere il metallo per farne altri.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.