Memories

Looking for a girl who was eight in 1965

A toy store advertisement from sixties

The desire to create humanoids: replicants, avatars, dolls, puppets or robots, is as old as the history of civilizations. Moreover, the human body has been used as a geometric parameter, for artistic or architectural canons. Human beings cannot do without their appearance even when it comes to imagining monsters or aliens: eventually, they add a detail that makes the “thing” human. Even now, when we design robots for pure utility purposes we try to give them arms and legs, and maybe two eyes and the ability of speaking. It also seems that human beings end up becoming attached to robots that make dangerous or strenuous businesses for them. Even myself, who wanted to give the name “Anacleto” to the vacuum cleaner disc that runs alone around the house, feeling empathy for him when he gets entangled in something. So when we talk about dolls as a mere object of childish play, even “feminine”, we hid a desire that probably is in each of us, that is to have an alter ego. In reality, if you search on Google images the term “dolls” it comes out of everything: from the film by Takeshi Kitano, to realistic reproductions of newborns, to horror dolls up to sexual ones. Dolls can easily become disquieting objects, perhaps for this reason some producers feel the need to reassure the world of childhood with smiles and funny gestures.

 

bambole-anni-60.jpg - illustrazioni-post
Andrea and Felicino, Furga dolls from sixties
lisa-e-lucia.jpg - illustrazioni-post
Lisa and Lucia, two dolls from the italian brand Furga

In reality, if you search on Google images the term “dolls” it comes out of everything: from the film by Takeshi Kitano, to realistic reproductions of newborns, to horror dolls up to sexual ones. Dolls can easily become disquieting objects, perhaps for this reason some producers feel the need to reassure the world of childhood with smiles and funny gestures.In reality, if you search on Google images the term “dolls” it comes out of everything: from the film by Takeshi Kitano, to realistic reproductions of newborns, to horror dolls up to sexual ones. Dolls can easily become disquieting objects, perhaps for this reason some producers feel the need to reassure the world of childhood with smiles and funny gestures.But, who are the dolls for? Which market sector is pursued by the manufacturing companies? During the sixties, at the time of my childhood, dolls looked like little girls, ie they were their replicants; in other cases they looked like newborns, just to stimulate the maternal instinct that was thought to be inherent in every girl.

Poldina.jpg - illustrazioni-post
Poldina, the favorite doll of my childhood, it looked like a newborn baby

After that, it came the time of the politically correct behaviours, and manufacturers were concerned to cover with ethics meanings the Barbie&co, so they came Barbies with various skin colors, different features, and even disability.

First-Barbie.jpg - illustrazioni-post
Barbie and Ken

There was also concern about the anti-submission message that an excessively thin and slender doll gave to future adolescents, but attempts to create Barbie&co with real body measures did not have great results.Although I never loved Barbie&co, in the eighties I had to give in to the pressure of my two daughters, buying them Barbies. At that point I noticed that they grabbed her legs like ice-cream cones. They always dressed and manipulated them in that position! After all, that was a comfortable grip. Was that, perhaps, an involuntary reason for success?

In the nineties I was pleased with the imposition in the American market of the “American girl dolls”. Finally we went back to the little girls dolls!

American-Girl-Dolls.jpg - illustrazioni-post
American Girl Dolls

“American Girl dolls” is an American line of 18-inch (46 cm) dolls distributed in 1986 by Pleasant Company. “American girl doll” portray girls from eight to eleven years of a variety of ethnic backgrounds, accompanied by little books that tell their stories from their point of view. Originally the stories were concentrated on various periods of American history, but then in 1995 they were expanded to include characters and stories of contemporary life. This doll has been a great success, numerous imitations and created a category: those of  18 inches tall (46 cm) dolls. The singular thing about  18 inches dolls tall is that they are not only bought by little girls but also by adult people, obviously “adult women”, because times of sharing such passion to both sexes are still immature. We will talk about it widely at other occasions.

There is therefore a large market of adult people in America who buy dolls 18 inches (46 cm) tall, their clothes and their accessories. It’s a type of doll that I like and that’s why I included Zisa Dolls in this category. Obviously, Zisa’s are dolls created by me, according to my tastes and desires. Each Zisa Dolls product is unique and I am not willing to create dolls, clothes and accessories according to customers’ tastes and needs. I’m not even going to lower prices to the point that I do not have a fair profit for my work, which is very meticulous.

Am I capricious? Yes, a lot.

I have no intention of pursuing fashions and market sectors. As for me, my products can also remain unsold but, above all, I have to have fun doing them! Somewhere, in the world, there is a nichemarket that appreciates Zisa Dolls, and that’s enough for me.

1965-Childrens-fashion.jpg - illustrazioni-post
1965 Childrens’ fashion
Betsy-McCalls-Big-Surprise-1965-z-1.jpeg - illustrazioni-post
Paper doll from 1965

Honestly, I can not understand what my potential market could be. Web and social networks are full of doll lovers communities, women and aged. I am, in reality, a woman and I am 61 old, but I find it hard to find my place. I am afraid that my profile as artist, writer, women involved in social issues, is in antagonism with that of a granny who loves dolls. Yet I am both. There is also in me, very strong, a nostalgia for the past and a passion for history, antiques and vintage stuffs.

During childhood sometimes can happen an event that forces somebody to become an adult. Often this forced growth leaves the painfull desire of the previous world.

Maria-Adele-nel-1965.jpg - illustrazioni-post
Thi is me, at the age of 8, in 1965

My event was in the summer of 1965, and I do not want to tell about it. I was eight years old and from that moment my tastes have stopped at everything that characterized that era: objects, fashion, culture, nature, town planning, political situation.

Zisa is an eight-year-old girl who wears fashion from the 60s.

Alla ricerca di una bambina che aveva otto anni nel 1965

Il desiderio di creare umanoidi: replicanti, avatar, bambole, marionette o robot che siano, è antico quanto la storia delle civiltà. Addirittura il corpo umano è stato usato come parametro geometrico per canoni artistici o architettonici. L’essere umano non riesce a prescindere dal proprio aspetto neanche quando si tratta di immaginare mostri o alieni, alla fine si aggiunge un dettaglio che rende la “cosa” umana. Anche adesso, quando si progettano robot per puri scopi utilitari si cerca di dargli braccia e gambe, e magari due occhi e la parola. Sembra anche che gli esseri umani finiscano per affezionarsi ai robot che compiono imprese pericolose o faticose in loro vece. Io stessa ho voluto dare il nome “Anacleto” al disco aspirapolvere che gira da solo per casa, provando empatia per lui quando rimane impigliato in qualche cosa. Quando quindi si parla di bambole come mero oggetto di gioco infantile, per giunta “femminile”, si fa torto ad un desiderio recondito che probabilmente è in ognuno di noi, cioè quello di avere un alter ego.

In realtà, se cerchi su google il termine “dolls” viene fuori di tutto: dal film di Takeshi Kitano, alle riproduzioni realistiche di neonati, alle bambole horror fino a quelle sessuali. Le bambole rischiano facilmente di diventare oggetti inquietanti, forse per questo alcuni produttori sentono il bisogno di rassicurare il mondo dell’infanzia con smorfie e posizioni spiritose. Ma a chi sono rivolte le bambole? Quale settore di mercato viene inseguito dalle ditte produttrici? Negli anni sessanta, ai tempi della mia infanzia, le bambole avevano l’aspetto di bambine, cioè erano dei replicanti delle loro proprietarie; oppure avevano l’aspetto di neonati, tanto per stimolare l’istinto materno che si riteneva insito in ogni bambina.

Poi arrivarono le Barbie&co, cioè un esercito di signorine trentenni dai corpi impossibili, che dovevano far sognare alle bambine una vita da adulta benestante ed eternamente single (anche se con un fidanzato storico nel cassetto). Nel tempo le Barbie&co hanno incarnato il profilo della moderna principessa, con una narrazione che le descriveva belle, bianche, palestrate e impegnate nel mondo della moda; in parole povere delle insopportabili narcisiste. Poi arrivarono i tempi del politically correct e le ditte produttrici si sono premurate di rivestire di eticità le Barbie&co, così sono arrivate le bambole con vari colori della pelle, diversi tratti somatici, e persino disabilità. Ci si è anche preoccupati del messaggio antisalutare che una bambola eccessivamente magra e slanciata dava alle future adolescenti, ma i tentativi di creare Barbie&co con misure corporee reali non hanno avuto grandi risultati.

Pur non avendo mai amato le Barbie&co, negli anni ottanta ho dovuto cedere alle pressioni delle mie due figlie e comprar loro delle Barbie. A quel punto ho notato che le afferravano per le gambe come fossero dei coni gelati, le vestivano e manipolavano sempre in questa posizione, in fondo quella era una comoda presa, era questo forse un involontario motivo di successo?

Mi ha fatto piacere poi l’imposizione nel mercato americano delle “American girl dolls”, Finalmente si tornava alle bambole bambine! American Girl è una linea americana di bambole da 18 pollici (46 cm) distribuita nel 1986 da Pleasant Company. Le bambole ritraggono ragazze da otto a undici anni di una varietà di etnie, accompagnati da libriccini che raccontano le proprie storie dal loro punto di vista. Originariamente le storie erano concentrate su vari periodi della storia americana, ma poi nel 1995 sono state ampliate  per includere personaggi e storie della vita contemporanea. Questa bambola ha avuto un grande successo, numerose imitazioni e creato una categoria: quelle delle bambole alte 18 pollici (46 cm). La cosa singolare delle bambole alte 18 pollici (46 cm) è che non sono acquistate solo da bambine ma anche da persone adulte, ovviamente “donne” adulte perché i tempi di una condivisione di tale passione ad ambo i sessi sono ancora immaturi. Ne parleremo ampiamente in alra sede.

C’è quindi un vasto mercato di persone adulte in America che compra bambole alte 18 pollici (46 cm), i loro vestiti e i loro accessori. E’ una tipologia di bambola che a me piace ed è per questo che ho inserito le Zisa Dolls in questa categoria. Ovviamente le Zisa sono bambole create da me, secondo i miei gusti e i miei desideri. Ogni prodotto Zisa Dolls è unico e non sono disposta a creare bambole, vestiti e accessori secondo i gusti e le esigenze dei clienti. neanche ho intenzione di abbassare i prezzi al punto da non avere un equo profitto per il mio lavoro, che è molto meticoloso.

Sono capricciosa? Si, molto.

Non ho nessuna intenzione di inseguire mode e fette di mercato. Per quanto mi riguarda i miei prodotti possono anche restare invenduti, ma devono essere fatti come dico io, soprattutto devo divertirmi nel farli. Da qualche parte nel mondo c’è un settore di nicchia che apprezza le Zisa Dolls e questo mi basta.

Onestamnete non riesco a capire quale potrebbe essere un mio potenziale mercato. Il web e i social networks sono pieni di comunità di doll lovers, donne e anziane. In realtà io, creatrice di Zisa Doll, sono donna e anziana, ma faccio fatica a trovare una mia collocazione. Ho il timore che il mio profilo di artista, lettrice, scrittrice, donna politicamente impegnata a sinistra, sia in antagonismo con quello di nonnina che ama le bambole, eppure io sono tutte e due le cose. C’è anche in me, fortissima, una nostalgia del passato e una passione per la storia, l’antiquariato e il vintage.

Durante l’infanzia o l’adolescenza può capitare un avvenimento che ti costringa a diventare adulto. Spesso questa crescita forzata lascia la struggente nostalgia del mondo precedente. Il mio avvenimento fu nell’estate del 1965 e non voglio raccontarlo, avevo otto anni e da quel momento i miei gusti si sono fermati a tutto quello che caratterizzava quell’epoca: gli oggetti, il modo di vestire, la cultura, la natura, l’urbanistica, la situazione politica.

Zisa è una bambina di otto anni che veste alla moda degli anni 60.

2 thoughts on “Looking for a girl who was eight in 1965”

  1. Grazie per questo post, uno dei più interessanti e originali che ho letto nell’ultimo periodo; io sono nata nel 71, ma ricordo abitini e atmosfere molto simili ai tuoi…

    1. Grazie infinite per questo commento, da quando produco bambole mi chiedo cosa mi spinga a farle e questo post cerca di darne una spiegazione.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.