Memories

Looking for a girl who was eight in 1965

A toy store advertisement from sixties

The desire to create humanoids: replicants, avatars, dolls, puppets or robots, is as old as the history of civilizations. Moreover, the human body has been used as a geometric parameter, for artistic or architectural canons. Human beings cannot do without their appearance even when it comes to imagining monsters or aliens: eventually, they add a detail that makes the “thing” human. Even now, when we design robots for pure utility purposes we try to give them arms and legs, and maybe two eyes and the ability of speaking. It also seems that human beings end up becoming attached to robots that make dangerous or strenuous businesses for them. Even myself, who wanted to give the name “Anacleto” to the vacuum cleaner disc that runs alone around the house, feeling empathy for him when he gets entangled in something. So when we talk about dolls as a mere object of childish play, even “feminine”, we hid a desire that probably is in each of us, that is to have an alter ego. In reality, if you search on Google images the term “dolls” it comes out of everything: from the film by Takeshi Kitano, to realistic reproductions of newborns, to horror dolls up to sexual ones. Dolls can easily become disquieting objects, perhaps for this reason some producers feel the need to reassure the world of childhood with smiles and funny gestures.

 

bambole-anni-60.jpg - illustrazioni-post
Andrea and Felicino, Furga dolls from sixties
lisa-e-lucia.jpg - illustrazioni-post
Lisa and Lucia, two dolls from the italian brand Furga

In reality, if you search on Google images the term “dolls” it comes out of everything: from the film by Takeshi Kitano, to realistic reproductions of newborns, to horror dolls up to sexual ones. Dolls can easily become disquieting objects, perhaps for this reason some producers feel the need to reassure the world of childhood with smiles and funny gestures.In reality, if you search on Google images the term “dolls” it comes out of everything: from the film by Takeshi Kitano, to realistic reproductions of newborns, to horror dolls up to sexual ones. Dolls can easily become disquieting objects, perhaps for this reason some producers feel the need to reassure the world of childhood with smiles and funny gestures.But, who are the dolls for? Which market sector is pursued by the manufacturing companies? During the sixties, at the time of my childhood, dolls looked like little girls, ie they were their replicants; in other cases they looked like newborns, just to stimulate the maternal instinct that was thought to be inherent in every girl.

Poldina.jpg - illustrazioni-post
Poldina, the favorite doll of my childhood, it looked like a newborn baby

After that, it came the time of the politically correct behaviours, and manufacturers were concerned to cover with ethics meanings the Barbie&co, so they came Barbies with various skin colors, different features, and even disability.

First-Barbie.jpg - illustrazioni-post
Barbie and Ken

There was also concern about the anti-submission message that an excessively thin and slender doll gave to future adolescents, but attempts to create Barbie&co with real body measures did not have great results.Although I never loved Barbie&co, in the eighties I had to give in to the pressure of my two daughters, buying them Barbies. At that point I noticed that they grabbed her legs like ice-cream cones. They always dressed and manipulated them in that position! After all, that was a comfortable grip. Was that, perhaps, an involuntary reason for success?

In the nineties I was pleased with the imposition in the American market of the “American girl dolls”. Finally we went back to the little girls dolls!

American-Girl-Dolls.jpg - illustrazioni-post
American Girl Dolls

“American Girl dolls” is an American line of 18-inch (46 cm) dolls distributed in 1986 by Pleasant Company. “American girl doll” portray girls from eight to eleven years of a variety of ethnic backgrounds, accompanied by little books that tell their stories from their point of view. Originally the stories were concentrated on various periods of American history, but then in 1995 they were expanded to include characters and stories of contemporary life. This doll has been a great success, numerous imitations and created a category: those of  18 inches tall (46 cm) dolls. The singular thing about  18 inches dolls tall is that they are not only bought by little girls but also by adult people, obviously “adult women”, because times of sharing such passion to both sexes are still immature. We will talk about it widely at other occasions.

There is therefore a large market of adult people in America who buy dolls 18 inches (46 cm) tall, their clothes and their accessories. It’s a type of doll that I like and that’s why I included Zisa Dolls in this category. Obviously, Zisa’s are dolls created by me, according to my tastes and desires. Each Zisa Dolls product is unique and I am not willing to create dolls, clothes and accessories according to customers’ tastes and needs. I’m not even going to lower prices to the point that I do not have a fair profit for my work, which is very meticulous.

Am I capricious? Yes, a lot.

I have no intention of pursuing fashions and market sectors. As for me, my products can also remain unsold but, above all, I have to have fun doing them! Somewhere, in the world, there is a nichemarket that appreciates Zisa Dolls, and that’s enough for me.

1965-Childrens-fashion.jpg - illustrazioni-post
1965 Childrens’ fashion
Betsy-McCalls-Big-Surprise-1965-z-1.jpeg - illustrazioni-post
Paper doll from 1965

Honestly, I can not understand what my potential market could be. Web and social networks are full of doll lovers communities, women and aged. I am, in reality, a woman and I am 61 old, but I find it hard to find my place. I am afraid that my profile as artist, writer, women involved in social issues, is in antagonism with that of a granny who loves dolls. Yet I am both. There is also in me, very strong, a nostalgia for the past and a passion for history, antiques and vintage stuffs.

During childhood sometimes can happen an event that forces somebody to become an adult. Often this forced growth leaves the painfull desire of the previous world.

Maria-Adele-nel-1965.jpg - illustrazioni-post
Thi is me, at the age of 8, in 1965

My event was in the summer of 1965, and I do not want to tell about it. I was eight years old and from that moment my tastes have stopped at everything that characterized that era: objects, fashion, culture, nature, town planning, political situation.

Zisa is an eight-year-old girl who wears fashion from the 60s.

Alla ricerca di una bambina che aveva otto anni nel 1965

Il desiderio di creare umanoidi: replicanti, avatar, bambole, marionette o robot che siano, è antico quanto la storia delle civiltà. Addirittura il corpo umano è stato usato come parametro geometrico per canoni artistici o architettonici. L’essere umano non riesce a prescindere dal proprio aspetto neanche quando si tratta di immaginare mostri o alieni, alla fine si aggiunge un dettaglio che rende la “cosa” umana. Anche adesso, quando si progettano robot per puri scopi utilitari si cerca di dargli braccia e gambe, e magari due occhi e la parola. Sembra anche che gli esseri umani finiscano per affezionarsi ai robot che compiono imprese pericolose o faticose in loro vece. Io stessa ho voluto dare il nome “Anacleto” al disco aspirapolvere che gira da solo per casa, provando empatia per lui quando rimane impigliato in qualche cosa. Quando quindi si parla di bambole come mero oggetto di gioco infantile, per giunta “femminile”, si fa torto ad un desiderio recondito che probabilmente è in ognuno di noi, cioè quello di avere un alter ego.

In realtà, se cerchi su google il termine “dolls” viene fuori di tutto: dal film di Takeshi Kitano, alle riproduzioni realistiche di neonati, alle bambole horror fino a quelle sessuali. Le bambole rischiano facilmente di diventare oggetti inquietanti, forse per questo alcuni produttori sentono il bisogno di rassicurare il mondo dell’infanzia con smorfie e posizioni spiritose. Ma a chi sono rivolte le bambole? Quale settore di mercato viene inseguito dalle ditte produttrici? Negli anni sessanta, ai tempi della mia infanzia, le bambole avevano l’aspetto di bambine, cioè erano dei replicanti delle loro proprietarie; oppure avevano l’aspetto di neonati, tanto per stimolare l’istinto materno che si riteneva insito in ogni bambina.

Poi arrivarono le Barbie&co, cioè un esercito di signorine trentenni dai corpi impossibili, che dovevano far sognare alle bambine una vita da adulta benestante ed eternamente single (anche se con un fidanzato storico nel cassetto). Nel tempo le Barbie&co hanno incarnato il profilo della moderna principessa, con una narrazione che le descriveva belle, bianche, palestrate e impegnate nel mondo della moda; in parole povere delle insopportabili narcisiste. Poi arrivarono i tempi del politically correct e le ditte produttrici si sono premurate di rivestire di eticità le Barbie&co, così sono arrivate le bambole con vari colori della pelle, diversi tratti somatici, e persino disabilità. Ci si è anche preoccupati del messaggio antisalutare che una bambola eccessivamente magra e slanciata dava alle future adolescenti, ma i tentativi di creare Barbie&co con misure corporee reali non hanno avuto grandi risultati.

Pur non avendo mai amato le Barbie&co, negli anni ottanta ho dovuto cedere alle pressioni delle mie due figlie e comprar loro delle Barbie. A quel punto ho notato che le afferravano per le gambe come fossero dei coni gelati, le vestivano e manipolavano sempre in questa posizione, in fondo quella era una comoda presa, era questo forse un involontario motivo di successo?

Mi ha fatto piacere poi l’imposizione nel mercato americano delle “American girl dolls”, Finalmente si tornava alle bambole bambine! American Girl è una linea americana di bambole da 18 pollici (46 cm) distribuita nel 1986 da Pleasant Company. Le bambole ritraggono ragazze da otto a undici anni di una varietà di etnie, accompagnati da libriccini che raccontano le proprie storie dal loro punto di vista. Originariamente le storie erano concentrate su vari periodi della storia americana, ma poi nel 1995 sono state ampliate  per includere personaggi e storie della vita contemporanea. Questa bambola ha avuto un grande successo, numerose imitazioni e creato una categoria: quelle delle bambole alte 18 pollici (46 cm). La cosa singolare delle bambole alte 18 pollici (46 cm) è che non sono acquistate solo da bambine ma anche da persone adulte, ovviamente “donne” adulte perché i tempi di una condivisione di tale passione ad ambo i sessi sono ancora immaturi. Ne parleremo ampiamente in alra sede.

C’è quindi un vasto mercato di persone adulte in America che compra bambole alte 18 pollici (46 cm), i loro vestiti e i loro accessori. E’ una tipologia di bambola che a me piace ed è per questo che ho inserito le Zisa Dolls in questa categoria. Ovviamente le Zisa sono bambole create da me, secondo i miei gusti e i miei desideri. Ogni prodotto Zisa Dolls è unico e non sono disposta a creare bambole, vestiti e accessori secondo i gusti e le esigenze dei clienti. neanche ho intenzione di abbassare i prezzi al punto da non avere un equo profitto per il mio lavoro, che è molto meticoloso.

Sono capricciosa? Si, molto.

Non ho nessuna intenzione di inseguire mode e fette di mercato. Per quanto mi riguarda i miei prodotti possono anche restare invenduti, ma devono essere fatti come dico io, soprattutto devo divertirmi nel farli. Da qualche parte nel mondo c’è un settore di nicchia che apprezza le Zisa Dolls e questo mi basta.

Onestamnete non riesco a capire quale potrebbe essere un mio potenziale mercato. Il web e i social networks sono pieni di comunità di doll lovers, donne e anziane. In realtà io, creatrice di Zisa Doll, sono donna e anziana, ma faccio fatica a trovare una mia collocazione. Ho il timore che il mio profilo di artista, lettrice, scrittrice, donna politicamente impegnata a sinistra, sia in antagonismo con quello di nonnina che ama le bambole, eppure io sono tutte e due le cose. C’è anche in me, fortissima, una nostalgia del passato e una passione per la storia, l’antiquariato e il vintage.

Durante l’infanzia o l’adolescenza può capitare un avvenimento che ti costringa a diventare adulto. Spesso questa crescita forzata lascia la struggente nostalgia del mondo precedente. Il mio avvenimento fu nell’estate del 1965 e non voglio raccontarlo, avevo otto anni e da quel momento i miei gusti si sono fermati a tutto quello che caratterizzava quell’epoca: gli oggetti, il modo di vestire, la cultura, la natura, l’urbanistica, la situazione politica.

Zisa è una bambina di otto anni che veste alla moda degli anni 60.

Zisa tales

A day on the beach

A day on the beach
The school is over and finally we go to the beach! Zisa has all the necessary equipment inBeach set 33 front of her: a beach bag, two swimsuits, a terry towel, a bucket, a scoop, a rake, sand molds, a sieve, clogs, a fishing net, a diving mask and a pair of fins.
A few days ago Mom and Zisa looked in the closet for the previous year beach equipment. Zisa was still able to wear the two cotton swimsuits, but clogs and fins had become too small and they had to go to the department stores to buy new pairs of them of bigger sizes. Just being there, Mom bought for Zisa a new beach set with bucket and other stuffs, and a fishing net.

swimwear 1_bakZisa is very happy, so happy that last night she couldn’t fall asleep. The only problem now is getting the bus with all those stuffs! Yes, because Mom is stubborn to leave the car in the car park and go to the beach by bus, always telling Zisa: “I’m not going to spend hours to look for a parking near the beach … and then the bus is a  more ecological choice”. Zisa has listened to many lessons at school on ecology, on the best way of throwing waste … and other stories of like this… and therefore she never manages to reply to Mom. Of course, it is a bore to wait for the Bus number 806 in Via Libertà and then pressing themselves into the cockpit with all those people full of bags for the beach, and she and Mum also loaded with mats, umbrellas, fins, masks, sandwiches, water and fruit and so on…

Oh well, but today Zisa is so happy to inaugurate the season that the bus doesn’t seem too

cabine a Mondello
Cabins at the Mondello Beach

late, the cockpit does not seem too crowded, and bags don’t weigh so much. In fact, Mum is right: the bus leaves them just in front the beach gates of the, that is that piece where they go, because Mom and Dad didn’t rent a cabin for the season as do rich families. Dad is always saying: “It’s a snobbish custom to rent a cabin all summer long, and then maybe leave it closed to crowd the beach, and we can not afford it anyway.” In fact, since Zisa’s great-grandmother days, in Mondello’s beach there were rows of beautiful wooden cabins that were rented to wealthy families. At first, it was a single long line close to the beach, which is still very long. Then to earn more, the company that ran the beach had decided to close it in many courtyards bordered by cabins. In fact, with all those cabins the beach was uglier. Then, at one point, the mayor had decided that at least part of the beach had to remain free and that was where they went. “Of course it would be nice to have a nice cabin for us where to keep deckchairs, masks, fins, umbrellas and tables – thinks Zisa – and maybe even get in the car and leave it to the valet … but those things do the families different from mine … we are ecological … and ethical … oh well … “Beach set 27

Meanwhile, Mom and Zisa have arrived at their little piece of beach, they are planting the umbrella on the sand and spreading the mats on the ground. “Zisa! Zisa! Zisa has arrived! “Three children scream: Manfredi, Wanda and Ruggero, her beach friends! But how many things to tell after a school year in different schools! And how many beautiful things to show: shoes, fins, new games. Manfredi has a beautiful set of tambourines and the children start playing right away, and mothers talk to each other. And then at one o’clock they take sandwiches, drinks and fruit out of their bags! And after lunch, a nap in the shade… and then other baths and tambourine games, and “be careful not to take too much sun” and “put the sun cream”…

At seven p.m. mothers and children at the bus stop to take the bus n° 806, that will bring they back home .

And Mom and Zisa get home baked by the sun, tired dead, ready to take a shower, eat an egg and then go to bed. What a wonderful day! And tomorrow again … and the day after tomorrow as well … all summer!Zisa in spiaggia

 

Una giornata in spiaggia

La scuola è finita e finalmente si va in spiaggia! Zisa ha davanti a sé tutto l’equipaggiamento occorrente: la borsa, due costumi da bagno, un asciugamano in spugna, il secchiello, la paletta, il rastrello, gli stampini per la sabbia, il setaccio, gli zoccoli, la rete da pesca, la maschera e le pinne.

Qualche giorno fa Zisa e la mamma hanno cercato nell’armadio l’equipaggiamento dell’anno precedente, Zisa riusciva ancora a indossare i due costumi di cotone, ma gli zoccoli e le pinne erano diventati troppo piccoli e avevano dovuto comprarli nuovi di una taglia in più, e già che erano ai grandi magazzini la mamma le aveva regalato il set col secchiello e la rete da pesca.

Zisa è contentissima, tanto contenta che ieri sera non riusciva ad addormentarsi. L’unico problema adesso è portarsi tutta quella roba in autobus! Sì, perché la mamma si ostina a lasciare nel parcheggio di casa l’automobile e andare in spiaggia in autobus, sempre dicendo a Zisa: “non ho intenzione di cercare per ore un parcheggio vicino la spiaggia… e poi l’autobus è una scelta più ecologica”. Zisa ha ascoltato tante lezioni a scuola sull’ecologia, sul modo migliore di buttare i rifiuti… e altre storie di questo tipo… e quindi non riesce mai a ribattere alla mamma. Certo però è una noia aspettare il numero 806 in via Libertà e poi pigiarsi dentro l’abitacolo con tutta quella gente piena di borse per il mare, e lei e la mamma pure cariche di stuoie, ombrelloni, pinne, maschere, panini, acqua e frutta.

Vabbè, ma oggi è tanto contenta di inaugurare la stagione che l’autobus non le sembra molto in ritardo, l’abitacolo non sembra troppo affollato e le borse non pesano così tanto. In effetti la mamma ha ragione: l’autobus le lascia proprio davanti i cancelli della spiaggia libera, quel pezzo in cui vanno loro, perché mamma e papà non hanno affittato una cabina per la stagione come fanno le famiglie ricche. Il papà dice sempre: “È un’usanza snob quella di affittare per tutta l’estate una cabina e poi magari lasciarla chiusa ad affollare la spiaggia, e comunque noi non ce la possiamo permettere.” Nella spiaggia di Mondello infatti, fin dai tempi della bisnonna, c’erano file di belle cabine di legno che venivano affittate a famiglie ricche. Prima si trattava di una sola lunga fila a ridosso della spiaggia, che comunque è lunghissima. Poi per guadagnare di più, la società che gestiva la spiaggia aveva deciso di chiuderla in tanti cortili delimitati da cabine. In effetti con tutte quelle cabine la spiaggia era più brutta. Poi ad un certo punto il sindaco aveva deciso che almeno una parte di spiaggia doveva restare libera ed era quella dove andavano loro. “Certo sarebbe bello avere una bella cabina tutta per noi dove conservare sedie a sdraio, maschere, pinne, ombrelloni e tavolini – pensa Zisa – e magari arrivare anche in macchina e lasciarla al posteggiatore… ma quelle cose le fanno le famiglie diverse dalle mie… noi siamo ecologici… ed etici…vabbè…”

Nel frattempo, mamma e Zisa sono arrivate al loro pezzetto di spiaggia, stanno piantando l’ombrellone sulla sabbia e distendendo le stuoie per terra. “Zisa! Zisa! E’ arrivata Zisa!” Sono tre bambini ad urlare: Manfredi, Wanda e Ruggero, i suoi amichetti della spiaggia! Ma quante cose da raccontarsi dopo un anno di scuola, in scuole differenti! E quante belle cose da mostrare: scarpe, pinne, giochi nuovi. Manfredi ha un bellissimo set di tamburelli e i bambini iniziano subito a giocare, e le mamme a parlare fra loro. E poi all’una si tirano fuori dalle borse panini, bibite e frutta! E dopo pranzo un riposino all’ombra e poi altri bagni e giochi a tamburello, e “stai attenta a non prendere troppo sole” e “mettiti la crema”. Alle sette di sera tutti alla fermata dell’autobus a riprendere l’autobus 806 che riaccompagna a casa mamme e bambini.

E si arriva a casa cotti dal sole, stanchi morti, pronti per fare una doccia mangiare un ovetto e poi a letto. Ma che giornata magnifica! E domani di nuovo… e dopodomani pure… per tutta l’estate!

 

Making

Making dolls

Making dolls

The childhood world is divided between those who love dolls and those who are rejected by them, while there is no need to analyze the terror that some feel for dolls.

Dolls are mainly the object of girls’ play, this particularity has always been a debate topic, between those who interpreted it as a motherhood desire and those who consider it a sexist stigma. In reality, it is not clear why that for dolls is almost exclusively a female passion, while it must be said that not all girls are attracted by dolls. In general, women who during childhood were not attracted by dolls proudly declare it as a sign of strength and autonomy, while those who loved and maybe even adore them in adulthood, do not like to express their passion, as if it were a signal of weakness.

I have always loved dolls: in early childhood I talked and argued with them, in the second childhood I had fun imagining their world. In the meantime, from the age of six, I started sewing clothes for them.

As an adult I tried in every way to combine the world of childhood with the job that gave me a living, partly succeeding. My Design School final thesis initially had toys as topic, until the school council decided in a different way. Then for two years I worked in a shop that sold children’s books and Galt toys. At that time, I tried to illustrate children’s books, and then I realized that more than a painter I was a sculptor. In those days in my city (Palermo in the seventies) still there were toy makers who built rocking horses in papier-mâché. I visited them several times to learn the craftmanship, and then I became a papier-mâché artist.

Teatro Biondo Stabile, Palermo
Teatro Biondo Stabile, Palermo

I was so engaged in the “Biondo” theatre where, for some years, I built masks, puppets, props and sculptures. In those years I realized that all those who created scenes and costumes for the stage had never abandoned the world of childhood, I had found my world! For a stage edition of Miss Julie by August Strindberg the director Roberto Guicciardini commissioned me to reproduce a giant 19th century doll, which I built in fiberglass. So, I became familiar with plastic materials then available for artisanal uses: fiberglass and rubber latex. Later, other plastic materials were introduced, such as silicone rubbers, polyurethane foams or epoxy resins; toxic and obsolescent substances that I have widely used for theatrical sculptures. In the meantime, I also worked as a theatrical costume designer, which brought me back to the times when I was wearing dolls.

Now in old age I decided to challenge my historic desire to make dolls by hand. I do not like Barbie (I prefer dolls that look childish) but I was always fascinated by the story of a couple who built the first prototype in the home basement. I do not think the story was exactly in this way, because dolls of the sixties were made of PVC, a highly toxic material that requires cumbersome and expensive machinery. I tried different ways to build dolls. For example, I liked the felt dolls from the 20-30s of the Italian company Lenci, but also those requiring cumbersome and expensive machinery.

Lenci doll
A “Lenci” doll

So, I launched the paper pattern with instructions to make a felt Zisa Doll. It’s a nice doll to do at home but, a doll to be adopted as a best friend by a girl must have a more realistic face.

Body lavorazione 2
The kind of Zisa Doll totally sewn in felt

I tried porcelain and other fragile materials for doll’s head and hands, until I was attracted by the idea of printing them in 3D. Actually, I had to wait for the cost of 3D printers to lower. Finally, the Prusa printers’ KITs were introduced on the market, I bought one and built up my printer with my husband’s help. Here it is in action with the first Zisa head!

Costruire bambole

Il mondo dell’infanzia si divide fra chi ama le bambole e chi ne è respinto, mentre non è il caso di analizzare in questo momento il terrore che alcuni provano per le bambole.

Le bambole sono prevalentemente oggetto di gioco delle bambine, questa particolarità è stato argomento di dibattito fra chi lo interpretava come desiderio di maternità e chi lo combatteva come stigma maschilista. In realtà non si capisce perché quella per le bambole sia una passione quasi esclusivamente femminile, mentre vi è da dire che non tutte le bambine sono attratte dalle bambole. In genere le donne che durante l’infanzia non sono state attratte dalle bambole lo dichiarano orgogliosamente come segno di forza e autonomia, mentre chi le ha adorate e magari le adora anche in età adulta, non ama esternare la sua passione, quasi fosse un segnale di debolezza.

Io ho sempre adorato le bambole, nella prima infanzia parlavo e litigavo con loro, nella seconda infanzia mi divertivo ad immaginare il loro mondo, dall’età di sei anni in poi ho iniziato a cucire vestiti per loro.

Da adulta ho cercato in tutti i modi di coniugare il mondo dell’infanzia con il lavoro che mi dava da vivere, in parte riuscendovi. La mia tesi della scuola superiore di Design inizialmente aveva come tema i giocattoli, fino a quando il consiglio di istituto decise in modo differente. Poi per due anni ho lavorato in un negozio che vendeva libri per l’infanzia e giochi creativi. In quel periodo ho cercato di illustrare i libri per bambini, per poi capire che più che una disegnatrice ero una scultrice. Nella mia città ancora a quei tempi (Palermo negli anni settanta) esistevano giocattolai che costruivano cavalli a dondolo in cartapesta, li ho visitati più volte per imparare il mestiere e così sono diventata anch’io un’artista della cartapesta ma per il teatro. Sono stata così assunta nel teatro Biondo dove per alcuni anni ho costruito maschere, marionette, oggetti di scena e sculture. In quegli anni ho capito che tutti quelli che creavano scene e costumi per il teatro non avevano mai abbandonato il mondo dell’infanzia, avevo trovato il mio mondo! Per una edizione de “La Signorina Giulia” August Strindberg, il regista Roberto Guicciardini mi commissionò la riproduzione gigante di una bambola del 19° secolo, che io costruii in vetroresina. Così iniziai a prendere confidenza con le materie plastiche allora disponibili per usi artigianali: vetroresina, lattice di gomma. Più tardi vennero introdotte altre materie plastiche come le gomme siliconiche, le schiume poliuretaniche o le resine epossidiche; sostante tossiche e obsolescenti che comunque ho ampiamente usato per sculture teatrali. Nel frattempo, lavoravo anche come costumista teatrale, cosa che mi riportava ai tempi in cui vestivo le bambole.

Ora nella terza età ho deciso di sfidare il mio storico desiderio di fabbricare artigianalmente bambole. Non amo le Barbie (preferisco le bambole che hanno l’aspetto infantile ) ma mi ha sempre affascinato il racconto della coppia che costruì il primo prototipo nel garage di casa. Credo che non andò proprio così, perché le bambole degli anni sessanta erano fatte di PVC, materiale altamente tossico che richiede macchinari ingombranti e costosi. Io ho tentato diverse strade per costruire bambole. Ad esempio, mi piacevano le bambole di feltro degli anni 20-30 della ditta italiana Lenci, ma anche quelle richiedevano macchinari ingombranti e costosi. Così lanciai il cartamodello con istruzioni per una Zisa doll totalmente in feltro. E’ una bella bambola da fare in casa ma, per essere adottata come amica del cuore da una bambina una bambola deve avere una faccia più realistica. Ho tentato la porcellana e altri materiali fragili per la testa e le mani fino a quando ho pensato di stamparle in 3D. In realtà ho dovuto aspettare che si abbassasse il costo delle stampanti 3D. Finalmente sono stati immessi nel mercato i KIT delle stampanti Prusa, ne ho acquistato uno e ho montato la mia stampante con l’aiuto di mio marito. Eccola in azione con la sua prima testa!

 

 

 

Christmas suit, knitted with jaquard motifs
Making

Knitting for 18inch Dolls

This slideshow requires JavaScript.

Knitting for 18inch Dolls (America girl dolls, Zisa dolls and others)

knitting for 18 inches dolls (about 46 cm) is very fun and rewarding. It is nice to being able to produce a garment in about two days and it is a relaxing activity. On average, 50g of yarn is enough for a jumper and 100gr. for a twin set or suit.

These are some simple rules that I follow to knit for Zisa Dolls:

  • Use natural yarns (wool, cotton, linen) because they are pleasant to the touch and beautiful to look at.

    White Aran jumper, front
    White Aran jumper, front
  • Use nails that measure 2, 2 and a half, maximum 3. In fact, it is better to proportion the stitch width to the doll size.

    Pink dress with lace motifs
    Pink dress with lace motifs
  • Make finishing with the crochet, because they are more practical in miniature clothing.

    Tshirt vith ragan sleeves
    Tshirt vith ragan sleeves
  • Use buttons (mother-of-pearl or wood, trying to avoid plastic) in a very small format (proportioned to the doll size)

    Light blue cardigan with raglan sleeves, front
    Light blue cardigan with raglan sleeves, front
  • Provide an opening at the back neck (unless it is a cardigan) because dolls’ heads, as well as children’s heads, are proportionally bigger than the shoulders width.
  • Prefer raglan sleeves all worked in a couple of nails, just to avoid seams to a minimum.

    Light blue jumper, front
    Light blue jumper, front
  • Perform the various stitches of the traditional jersey in a workmanlike manner.

    Christmas suit, knitted with jaquard motifs
    Christmas suit, knitted with jaquard motifs
  • Take care of how decrease stitches in knitting. The decrease should be an important detail, beautyfull to see.

    Cotton socks worn
    Cotton socks worn

Lavorare a maglia per le bambole alte 18 pollici (Zisa e le altre)

Lavorare a maglia per le bambole alte 18 pollici (46 cm. Circa) è molto divertente e gratificante. E’ bello infatti riuscire a produrre un indumento in circa due giorni e si tratta di una attività rilassante. In media sono sufficienti 50gr di filato per un pullover e 100gr. Per un completo.

Queste sono alcune semplici regole che mi sono imposta per eseguire gli indumenti a maglia di Zisa Dolls:

  • Usare filati naturali (lana, cotone, lino) perché sono piacevoli al tatto e belli da vedere.
  • Adoperare ferri n.2, 2 e mezzo, 3 perché è meglio proporzionare la larghezza della maglia alla dimensione della bambola
  • Eseguire alcune rifiniture all’uncinetto, perché sono più pratiche in indumenti in miniatura
  • Usare bottoni (in madreperla o legno, cercando di evitare la plastica) in piccolissimo formato (proporzionati quindi alle dimensioni della bambola)
  • Prevedere una apertura al collo posteriore (a meno che non si tratti di cardigan) perché le teste delle bambole, così come quelle dei bambini, sono proporzionalmente più grandi delle spalle
  • Preferire le maniche a raglan lavorate tutte in un ferro, per evitare al minimo le cuciture.
  • Eseguire a regola d’arte i vari punti della maglia tradizionale.
  • Avere cura delle mancature necessarie per fare aderire l’indumento al corpo della bambola.
Zisa tales

Aisha and Malik

Aisha and Malik joined Zisa’s schoolclass in September, just a few days after the school year had started; they entered in the classroom accompanied by a red cross volunteer and sat in the only free desk, without looking at anyone. Aisha and Malik had recently arrived in Palermo from an African country and did not speak Italian. Aisha and Malik are twins and in the first months of the school year they were always among them, exchanging a few words in a language that no one classmate understood. Zisa’s smiles did not work either, because they seemed to be afraid of everything, even of her.

afro aran boy particolare

At home, mum and dad pushed Zisa to be kind to them, trying to make friends each others.
“I tried” Zisa said “but they didn’t care, they didn’t even smile at me!”
“They are only shy, dear Zisa, think about how you feel when you don’t know anyone!” answered mum.
Zisa had memorized her mother’s answer to gave it to her companions in those occasions in which they were having fun making of Aisha and Malik, but it didn’t help much. Zisa’s classmates, indeed, were really unpleasant with Aisha and Malik and she couldn’t be friends with ones and others at the same time. On the one hand, her companions were right in saying that Aisha and Malik were always sulky, that they didn’t try to make friends and that, moreover, they didn’t speak a single word of Italian language. On the other hand, mum and dad at home wanted that Zisa was kind to foreign companions.
“I’m friend with Adam, Rayan, Fatima, Omar and Yasmin! Because they speak Italian as if they were Italians, and it’s easier!”
“This is why they were born in Italy, even if their parents are foreigners! Instead, Aisha and Malik have just arrived, you have to give them time to learn the language. Maybe you could help them!”
Zisa’s mum was different from other mums, who instead were always talking badly in the schoolyard about Aisha and Malik. They also went to the director to protest, because they claimed that the theacher helped the two African twins more than the rest of the class. The teacher was on the Zisa’s mother side, and perhaps for this reason one day she wanted to tell to the class the story of her childhood, when she had to reach her parents who had emigrated to Switzerland, and she felt lonely and sad, and Swiss children treated her badly. But neither this story worked: Zisa’s companions didn’t understand that it was an exhortation to make friends with Aisha and Malik.

Zisa occasionally sat next to them trying explain what the teacher was sayings, but Aisha and Malik didn’t even put book, exercise book and pen on the desk.
Then finally came the day when the teacher explained the multi-digit divisions on the blackboard, for Zisa they seemed very complicated, she wasn’t understanding anything. Then Zisa saw Aisha who, looking carefully at the blackboard, took the exercise book and began to write.

Aisha.jpg

After a while the teacher noticed that Aisha was able to make divisions very quickly, so she invited her to go to the blackboard and show her companions how to solve them. Aisha did not understand, then the teacher went to her and gently inviteding with gestures. The girl, instead, thought she wanted to punish her for something she had done and instinctively raised her elbow to cover her face, as if afraid of receiving a slap. At that point Zisa went to Aisha and took her hand, leading her to the blackboard. The teacher, in the meantime, had begun to write a 4-digit division divided by 2 digits and gave to Aisha chalk to continue in her own. Finally, Aisha understood what she had to do and resolved the division in a few minutes, then the teacher assigned another division and Aisha immediately found the solution, then another more complicated and another more and more complicated. The children were all open-mouthed to see how bright Aisha was in mathematics, they did not understand her process but were admired by her speed. Finally, the teacher invited the class to applaud Aisha and the girl understood that the applauses were for her and, for the first time since she had arrived she smiled, showing very white teeth and all the beauty of her face.

In this way Aisha, the teacher and the whole class understood that even numbers are a language understood by each other. Since then, through numbers, it was easy for Aisha and Malik learning Italian, and the class discovered that they were very nice. It was also discovered that Malik was very good at playing football with his classmates in the schoolyard.
It was very difficult, however, to make the two children speak of them: their family and their journey to Italy; they did not like at all that questions were asked about those subjects.
Zisa asked her mother the reason for this shyness, since they had become friends.

Malik.jpg

Mama then told Zisa that Aisha and Malik were “refugees” with their parents, who had to escape from their country because of a war, that they had to face a terrible sea voyage, that they had no home and had to live in the headquarters of a voluntary association, that their parents could not work because they didnit have legal documents, despite their father were an engineer and their mother a teacher.

“Did you say that they made a terrible trip by boat?”

“Yes”

“But, how much terrible?”

“I don’t want to tell you about it, but I can say that dad and me were at the Palermo harbour to welcome them when they arrived, together with the Mayor and other volunteers; I can remember Aisha’s smile when a policewoman gave her a doll.”

“Now I understand why they are afraid by sea” Zisa said.

“Do they? How do you know it?”

“Because when we went with the teacher and schoolmates to visit the Addaura caves, they were terrified of falling into the sea, even if there was no danger!”

“Maybe it was not a good idea to bring them there, with the winter sea. Maybe one day, during the summer, we could bring Aisha and Malik to Mondello beach, to have a bath with us.”

Mondello-beach.jpeg
Mondello beach, near Palermo

So at the end of the school year, Mum and Dad organized a trip to Mondello beach, with Zisa, Aisha and Malik. Their parents were happy, also because in the meantime they had started to work and didn’t have time to accompany them. Mondello beach is beautiful and inviting, with a calm sea and a fine sand. Moreover, there the water isn’t deep and it isn’t fearfull.

At the beginning, Aisha and Malik didn’t want to approach the water, so Dad organized a beach volley game on the sand and, in taking the ball that had run away, Malik accidentally wet his feet.

Aisha-Malik.jpg

“Did you see how nice it is to get wet?” Dad said “Aisha, do you want to try too, to soak your feet?” Aisha shyly approached the water and when the sea licked her feet she retreated frightened, but it was hot and the water was fresh and nice, so it was not difficult to convince her to get wet little by little. Mum then ran with two pairs of lifebuoys to be worn by the two children, because they couldn’t swim. At the sight of the lifebuoys they scared, and it was the terrible memory of that sea journey to reach Italy.

Beach set 27
Beach set for 18 inch dolls

However, Zisa’s parents were good at turning everything into play and after a while Aisha and Malik began to spray the water emitting cries of joy, and then finally dived swimming in a disordered way. It was a fantastic day! Throughout the summer Zisa, Mum and Dad, brought with them to Mondello beach Aisha and Malik, teaching them to swim little by little.

Sea no longer scares Aisha and Malik.

migrants
Una volontaria abbraccia due bimbi migranti in un porto siciliano

In Sicily, dozens of migrant children arrive every day, with their parents or without anyone that accompany them. There are humanitarian organizations that take care of them, despite great difficulties, I will never stop thanking them. It is very hard to make these children recover from the sea trip, which is often added to a war memory and the loss of parents. A self-stitched doll, with the volunteers love, could help these children overcome the trauma. Patterns, STL files and tutorials to create my dolls, will be sent for free to those volunteers who would ask me, by writing to zisadolls@gmail.com

 

Aisha e Malik

Aisha e Malik sono arrivati nella classe di Zisa a settembre, giusto pochi giorni dopo l’inizio dell’anno scolastico; sono entrati in classe accompagnati da un volontario della croce rossa e si sono seduti nell’unico banco libero senza guardare in faccia nessuno. Aisha e Malik erano da poco arrivati a Palermo da un paese africano e non parlavano Italiano. Aisha e Malik sono gemelli e nei primi mesi di scuola stavano sempre fra di loro, scambiando poche parole in una lingua che nessuno capiva. Non funzionavano neanche i sorrisi di Zisa, perché sembrava che avessero paura di tutto, anche di lei. A casa i genitori esortavano Zisa ad essere gentile con loro e cercare di fare amicizia

“io ci provo – diceva Zisa – ma a loro non importa niente, neanche mi sorridono”

“sono timidi, pensa a come ti senti tu quando non conosci nessuno” rispondeva la mamma.

Zisa aveva imparato a memoria la risposta della mamma e l’aveva data ai suoi compagni un giorno in cui si stavano divertendo a prendere in giro Aisha e Malik, ma non era servita a molto. I compagni di Zisa infatti erano davvero antipatici con Aisha e Malik e lei non riusciva ad essere amica degli uni e degli altri allo stesso modo. Da un lato avevano ragione i suoi compagni nel dire che Aisha e Malik erano sempre imbronciati, che non cercavano di fare amicizia e che per giunta non parlavano una sola parola d’Italiano. Dall’altro lato i genitori a casa esortavano Zisa ad essere gentile con i compagni stranieri.

“Ma io sono amica di Adam. Rayan, Fatima, Omar e Yasmin, ma loro parlano l’italiano come se fossero italiani ed è più facile”

“Perché loro sono nati in Italia, anche se i loro genitori sono stranieri, invece Aisha e Malik sono arrivati da poco, devi dare loro il tempo di imparare la lingua. Magari potresti aiutarli tu”

La mamma di Zisa era diversa dalle altre, che invece stavano sempre a parlare in cortile contro Aisha e Malik, e poi andavano dalla maestra a protestare, perché sostenevano che aiutava troppo i due bambini africani dimenticandosi del resto della classe. La maestra invece stava dalla parte della mamma di Zisa, e forse per questo un giorno aveva voluto raccontare in classe la storia della sua infanzia, quando aveva dovuto raggiungere i suoi genitori che erano emigrati in Svizzera, e lei si sentiva sola e triste e i bambini svizzeri la trattavano male. Ma neanche questo racconto aveva funzionato, i compagni di Zisa non avevano capito che era un’esortazione a fare amicizia con Aisha e Malik.

Zisa ogni tanto si sedeva vicino a loro e cercava di aiutarli a capire quello che diceva la maestra, ma vedeva che Aisha e Malik non avevano neanche il libro aperto sul banco, né il quaderno e la penna.

Poi finalmente arrivò il giorno in cui la maestra spiegò alla lavagna le divisioni a più cifre, a Zisa sembravano complicatissime, non ci stava capendo nulla. Poi Zisa vide Aisha che, guardando attentamente la lavagna, prendeva il quaderno a quadretti e iniziava a scrivere. Dopo un poco la maestra si accorse che Aisha era capace di fare divisioni molto in fretta, così la invitò ad andare alla lavagna e mostrare ai compagni come faceva ad eseguirle. Aisha non capì, allora la maestra andò verso di lei e la invitò gentilmente a gesti, la bambina però pensò che volesse punirla per qualcosa che aveva fatto e istintivamente alzò il gomito per coprire la faccia, come se temesse di ricevere uno schiaffo. A quel punto Zisa andò da Aisha la prese per mano e la condusse alla lavagna, la maestra nel frattempo aveva cominciato a scrivere una divisione di 4 cifre divisa per 2 cifre e diede il gesso alla bambina perché continuasse lei. Finalmente Aisha capì cosa doveva fare e risolse la divisione in pochi minuti, poi la maestra ne assegnò un’altra e Aisha subito trovò la soluzione, poi un’altra più complicata e un’altra più complicata ancora. I bambini stavano tutti a bocca aperta a constatare quanto Aisha fosse brillante in matematica, non capivano il suo procedimento ma erano ammirati dalla sua velocità. Infine, la maestra invitò tuta la classe ad applaudire ad Aisha e la bambina capì che gli applausi erano per lei, per la prima volta da quando era arrivata sorrise, mostrando dei denti bianchissimi e tutta la bellezza del suo viso. Così Aisha, la maestra e tutta la classe capirono che anche i numeri costituiscono un lingua per capirsi. Da allora, attraverso i numeri, fu facile per Aisha e Malik imparare l’italiano e la classe scoprì che loro erano simpatici. Si scoprì anche che Malik era bravissimo a giocare a calcio con i compagni nel cortile della scuola.

Fu invece molto difficile far parlare i due bambini di loro, della loro famiglia e del loro viaggio verso l’Italia, non gradivano affatto che si facessero delle domande su questo argomento.

Zisa chiese alla mamma il perché di questa timidezza, dal momento che ormai erano diventati amici. La mamma allora raccontò a Zisa che Aisha e Malik erano dei “rifugiati” insieme ai loro genitori, che avevano dovuto scappare dal loro paese a causa di una guerra, che per raggiungere l’Italia avevano dovuto affrontare un viaggio per mare terribile, che non avevano una casa e dovevano vivere nella sede di una associazione di volontariato, che i loro genitori non potevano lavorare perché non avevano i documenti a posto, nonostante il padre fosse un ingegnere e la mamma una maestra.

“Hai detto che hanno fatto un viaggio in mare terribile?” “Si” “Ma terribile quanto?” “Non te lo voglio raccontare, però io e tuo padre eravamo al porto di Palermo ad accoglierli quando sonoo arrivati, insieme al sindaco e ad altri volontari, e ricordo il sorriso di Aisha quando una poliziotta le ha regalato una bambola.”

“Ora capisco perché hanno paura del mare” disse Zisa

“Hanno paura del mare? Come lo sai?”

“Quando siamo andati con la maestra e i compagni di scuola a visitare le grotte dell’Addaura, erano terrorizzati di cadere in mare, anche se non c’era nessun pericolo”

“Forse non è stata una buona idea portarli lì, col mare invernale. Forse d’estate potremmo portarli un giorno a Mondello a fare il bagno con noi.”

Così alla fine dell’anno scolastico la mamma e papà organizzarono una gita alla spiaggia di Mondello, con Zisa, Aisha e Malik. I loro genitori furono felici anche perché nel frattempo avevano iniziato a lavorare e non avevano tempo per accompagnarli. La spiaggia di Mondello è bellissima e invitante, col mare calmo e una sabbia finissima, poi lì l’acqua non è profonda e non c’è da avere paura. All’inizio Aisha e Malik non si volevano avvicinare all’acqua, così papà aveva organizzato una partita a pallone sulla sabbia e, nel prendere la palla scappata via, Malik s’era accidentalmente bagnato i piedi.

“Hai visto com’è bello bagnarsi?” aveva gli detto papà “Vuoi provare anche tu Aisha a bagnarti i piedi?”

“Aisha timidamente si avvicinò all’acqua e quando il mare le lambì i piedi si ritrasse spaventata, ma aveva caldo e l’acqua fresca era piacevole, così non fu difficile convincerla a bagnarsi a poco a poco. La mamma allora accorse con due paia di braccioli da fare indossare ai due bambini, perché non sapevano nuotare. Qualcosa li spaventò nel vedere i due salvagente, ed era il ricordo terribile di quella traversata in mare per raggiungere l’Italia, ma i genitori di Zisa furono bravi a trasformare tutto in gioco e dopo un poco Aisha e Malik cominciarono a spruzzarsi l’acqua emettendo gridolini di gioia, e poi finalmente si tuffarono nuotando in modo disordinato.

Per tutta l’estate i genitori di Zisa portarono con loro a Mondello Aisha e Malik, insegnando loro a poco a poco a nuotare.

Il mare non fa più paura ad Aisha e Malik.

migrantsIn Sicilia ogni giorno sbarcano decine di bambini migranti, con i loro genitori o senza nessuno che li accompagni. Ci sono delle organizzazioni umanitarie che si occupano di loro fra mille difficoltà, non smetterò mai di ringraziarli. E’ molto difficile riuscire a far superare a questi bambini il terribile ricordo della traversata in mare, a cui spesso si aggiunge quello di una guerra da cui si è fuggiti e della perdita dei genitori. Una bambola cucita da sé, con l’aiuto dei volontari, potrebbe aiutare a questi bambini a recuperare sicurezza e affettività. I cartamodelli, file STL e tutorial per realizzare le mie bambole verranno inviati gratuitamenti a quei volontari che vorranno chiedermelo scrivendo a zisadolls@gmail.com

Zisa tales

Zisa’s cake

pinafore dress 5
Zisa in looking at the window

“I am afraid that the afternoon at the park, whizzing through avenues in the new red scooter … is to be postponed. – Zisa is very upset – Ugh! What a rain!” And worst of all that mean lady of Carla came, the mum’s friend who is always gossiping about their office. She comes home like a thunderbolt without even saying goodbye to Zisa, or giving her a caress, or saying a kind word, it does not matter if Zisa and mom are about to leave, or if they are doing something important. The worst is that mom likes talking to Carla, and so Zisa is forced to stay apart. And then, at a certain point, to not to make Zisa hear what they are saying, they lower their voices and approach each other’s ear. Finally mom says to Zisa, “go play in your room, dear Zisa.”

So, this is why Zisa stays in her bedroom at the window, waiting for it to finish raining, writing her name on the tarnished glass. What a strange name she has! At school classmates are always crippling her name: Zita, Sisa, Zizza, Risa … what boring!

Castello di Maredolce, Palermo
Antica stampa raffigurante il Castello di Maredolce, Palermo

Sometimes she gets nervous: why had not her parents given her a common name? They are always telling her about the Arabic name “A-ziz” story, the beautiful palace in the city, the great Palermo traditions, that was very happy in the Middle Ages, the gardens, the waterways, the citrus groves and the golden basin, full of sun and surrounded three quarters of the mountains and a quarter of the blue sea. Beautiful Palermo! In fact, sometimes she was proud, when tourists asked her mom for directions to visit the Zisa castle. In those occasions she said in her school English, “I call myself Zisa too”, and then mom made her understand that she shouldn’t intrude in conversation, unless expressly requested. But the intrusion was immediately rewarded by a tourist caress and she swelled with pride.

impermeabile 5
Zisa with her raincoat

But coming back to us … what a bad raining afternoon of rain! What about the golden basin, rich of sun and joy? Even in Palermo it happens that there is bad weather … even if not always … and going to the park, her beloved “Villa Trabia”, full of palm trees and ficus, just not talk about it. What if I wore raincoats, wellington boots and rain hat? No, it would not be practical to run with the scooter!

“Maybe I could start making a cake, the ingredients are all there…” Zisa thinks

Yes, because yesterday, Daddy and Zisa went shopping and filled their basket with lots of good things.

grocery set 18
Grocery set for 18 inch dolls

So Zisa wears an apron and a chef’s hat. After all, it is not so difficult, Zisa sometimes made a cake with her mom. …

chef-set-5-1.jpg
Chef set for 18 inch dolls

You have to put the eggs with the sugar in the food processor and beat them until they become foamy, then gradually add the flour with the yeast, the melted butter and the apples into small pieces. Then you have to take a pan, grease it and pour the mixture into… Zisa is perhaps less experienced than her mom, because the dough is splashing a little everywhere, but it does not matter! “Then I will put in order!” she thinks.

Zisa knows she cannot use the oven in her own, so when the dough is in the pan, ready to be cooked, she goes to call her mom.

Mum and Carla are then interrupted, in the middle of a conversation, from the arrival of Zisa asking for help to turn on the oven. Carla is annoyed at being interrupted, while mom suspects that Zisa has made a mess.

cleaning set 7
Cleaning set for 18 inch dolls

In fact, when they arrive in the kitchen, they find great confusion: bowls and ladles dirty, dough splashed on the cabinet doors.

“But do you allow her to do this mess?” Exclaims Carla testily

But mom, who actually wanted to scold Zisa, to the Carla exclamation reacts with impetus:

Stove 10
Zisa’s retro stove

“Yes, there is a bit of mess, but I’m proud of Zisa, who was able to prepare the dough of a cake in her own. Now she will sort out how she usually does.”

Zisa smiles victoriously

Mom tells Zisa how to clean the kitchen and put the cake in the oven.

So Zisa puts the dirty dishes in the dishwasher and cleans the table and the cabinets with a damp cloth. Then mom prepares the tea, sets cups and saucers and serves the cake just out of the oven.

“It’s delicious my love” mom says to Zisa, while Carla eats only a piece, not to eat too many calories.

cake set 11
Cake set for 18 inch dolls

In the meantime, Zisa hear the front door opening and the daddy voice:

“I feel a wonderful smell, someone made a good cake?”

“It was me, daddy!” Zisa proudly says

Daddy kisses Zisa, sits down to eat a slice of cake and then goes to change his clothes, screaming from the corridor:

scooter 1
Scooter for 18 inch dolls

“My girl deserves a prize, let’s go to the park to try out the new scooter”

“Yessss!” Zisa shouts

“Yes!” Mum says “After all, it stopped raining!”

“It is late, I’m going away” says Carla

Zisa could not be happier.

And here she is after few minutes, riding happily at the park with her new red scooter!

 

 

 

 

La torta di Zisa

Mi sa che il pomeriggio al parco, a sfrecciare fra i viali col nuovo monopattino rosso… è da rimandare. Uffa! Che pioggia! E peggio di tutti è arrivata in visita quell’antipatica di Carla, l’amica della mamma che parla sempre di pettegolezzi del loro ufficio. Arriva a casa come un fulmine senza neanche salutare Zisa, darle una carezza, dirle una parola gentile, non importa se lei e la mamma erano sul punto di uscire, o se stavano facendo qualcosa di importante. Il peggio è che alla mamma piace parlare con Carla, e così Zisa resta in disparte. E poi, a un certo punto, per non farle sentire cosa stanno dicendo abbassano la voce e si avvicinano l’una all’orecchio dell’altra, e infine la mamma dice a Zisa, “vai a giocare nella tua stanza, Zisa cara.” Così Zisa sta in camera sua alla finestra, aspettando che finisce di piovere, scrivendo sul vetro appannato il suo nome. Ma che nome strano ha! A scuola lo storpiano sempre: Zita, Sisa, Zizza, Risa… uffa! A volte si spazientiva, ma perché non le aveva dato un nome comune? Le raccontavano sempre la storia del nome Arabo A-ziz, del bel palazzo in città, della grande tradizione di Palermo felicissima nel medioevo, dei giardini, dei corsi d’acqua, degli agrumeti e della conca d’oro, ricca di sole e circondata per tre quarti dai monti e per un quarto dal mare azzurro. Bella Palermo! In effetti ogni tanto si inorgogliva, quando qualche turista chiedeva alla mamma le indicazioni per visitare il castello della Zisa, allora lei diceva nel suo inglese scolastico, “anch’io mi chiamo Zisa”, e allora la mamma le faceva capire che non bisogna inserirsi in una conversazione, se non espressamente, richiesto. Ma l’invadenza veniva subito premiata da una carezza dei turisti e lei si gonfiava di orgoglio.

Ma tornando a noi… che brutto pomeriggio di pioggia, altro che conca d’oro, sole e allegria! Anche a Palermo capita che ci sia brutto tempo… anche se non sempre… e di andare alla villa, la sua amata Villa Trabia ricca di palme e ficus, proprio non se ne parla.

E se indossassi impermeabile, stivali e cappello? No non sarebbe pratico per correre col monopattino!

Magari mi metto a fare una torta, gli ingredienti ci sono tutti.

Si perché ieri papà e Zisa sono andati a fare la spesa e hanno riempito il loro cestino di tante buone cose.

Cosi Zisa indossa grembiule e cappello da cuoco. In fondo non è così difficile, Zisa qualche volta ha fatto una torta con la mamma. Bisogna mettere le uova con lo zucchero nel food processor e sbatterle fino a quando diventano spumose, poi aggiungere a poco a poco la farina con il lievito, il burro sciolto e le mele a pezzetti. Poi bisogna prendere una teglia, imburrarla e infarinarla e versarvi dentro il composto. Zisa è forse meno esperta della mamma, perché l’impasto sta schizzando un po’ dappertutto, ma non importa! Poi metterò in ordine!

Zisa sa che non può usare il forno da sola, quindi quando l’impasto è già nella teglia, pronto per essere infornato, va a chiamare la mamma.

La mamma e Carla vengono quindi interrotte, nel bel mezzo di una conversazione, dall’arrivo di Zisa che chiede aiuto per accendere il forno. Carla è infastidita per essere stata interrotta mentre la mamma sospetta che la bambina abbia fatto dei pasticci, infatti quando arrivano in cucina trovano un po’ di confusione: ciotole e mestoli sporchi, impasto schizzato sugli sportelli degli armadietti.

“Ma le permetti di disordinare in questo modo?” esclama Carla stizzita

La mamma, che in realtà avrebbe voluto sgridare Zisa, all’esclamazione di Carla reagisce d’impeto:

“Si, c’è un po’ di disordine ma sono orgogliosa di Zisa che è stata capace di preparare l’impasto di una torta da sola. Adesso lei rimetterà in ordine come è solita fare.”

Zisa sorride vittoriosa

La mamma indica a Zisa come pulire meglio la cucina e mette la torta nel forno.

Così Zisa mette le stoviglie sporche nella lavastoviglie e pulisce il tavolo e gli armadietti con una pezza umida, poi la mamma prepara un te, apparecchia con le tazze e i piattini e serve la torta appena uscita dal forno.

“E’ deliziosa amore mio” dice a Zisa, mentre Carla mangia solo un pezzetto per non ingrassare.

Nel frattempo si sente il rumore della porta d’ingresso che si apre e la voce di papà:

“Sento un odore meraviglioso, qualcuno ha fatto una buona torta?”

“Sono stata io, papi” dice orgogliosamente Zisa

Papi bacia Zisa, si siede a mangiare una fetta di torta e poi va a cambiarsi gli abiti, urlando dal corridoio:

“La mia bimba merita un premio, andiamo al parco a provare il nuovo monopattino”

“Siiiiiii!” Urla Zisa

“Si!” Dice anche la mamma “Del resto ha finito di piovere”

“Io vado via che s’è fatto tardi” dice Carla

Zisa non potrebbe essere più felice.

Ed eccola dopo un quarto d’ora sfrecciare felice al parco col suo nuovo monopattino rosso.

Making, Memories

How are Zisa Doll’s clothes made?

Perhaps one of the reasons I created Zisa Dolls is the opportunity to sew their clothes

 

This slideshow requires JavaScript.

I started sewing when I was six and started with my dolls’ clothes. In my family there was little sewing, with an ancient Durkopp sewing machine, donated to my great-grandmother on her wedding day (in the nineties of the 19th century). I started with this very sturdy pedal machine, which still works, but my dream from the age of three was to have a super-automatic Borletti sewing machine (electric), whose advertising fascinated me. I asked for a super-automatic Borletti as every Christmas and birthday present, without ever being taken seriously, until I bought one with my money at the age of 16.

So as a child I sewed by hand or with durkopp sewing machine, without having any notion of cutting and sewing. I used to place the doll on the fabric, cut out around the garment outline, and then sew. The first experiments were very approximate, but I was tenacious and managed to perfect myself, so that in adulthood I became a designer and creator of theatrical costumes. Now, in old age, I returned to the dolls and in the sewing I am maniacal, as in knitting. I like that Zisa Doll clothes are professional, well finished like the tailor’s clothes from the sixties. I like to use natural and valuable fabrics (and yarns). In short, they are masterpieces of miniature tailoring. The style is that of children’s clothing from the sixties, a time when I was a child: pleated skirts, pinafores, tartan fabrics, half-leg pants, hand-knitted pullovers and twin sets. Apart from some of them 3D printed, even shoes are hand-made with great care, using an old Necchi sewing machine for leather and using real leather.

Patterns with tutorials of some Zisa Dolls clothes are on sale by clicking here

Forse uno dei motivi per cui ho creato le Zisa Dolls è l’opportunità di cucire i loro vestiti

Io ho iniziato a cucire a sei anni e ho iniziato con i vestiti delle mie bambole. Nella mia famiglia si cuciva poco, con un’antica macchina Durkopp regalata alla mia bisnonna il giorno delle sue nozze (negli anni 90 del 19° secolo). Ho iniziato con questa robustissima macchina a pedale, che funziona ancora, ma il mio sogno dall’età di tre anni era quello di possedere una superautomatica Borletti (elettrica), la cui pubblicità mi affascinava. Ho chiesto una superautomatica Borletti per ogni Natale e compleanno senza mai essere presa sul serio, fino a quando ne ho acquistato una a rate all’età di 16 anni.

Quindi da bambina cucivo a mano o con la durkopp, senza avere alcuna nozione di taglio e cucito, posavo la bambola sulla stoffa, ritagliavo la sagoma dell’indumento attorno e cucivo. I primi esperimenti furono molto approssimativi, ma fui tenace e mi perfezionai, tanto che in età adulta diventai disegnatrice e creatrice di costumi teatrali. Adesso in terza età sono tornata alle bambole e nel cucito sono maniacale, così come nel knitting. Mi piace che gli indumenti delle Zisa Dolls siano professionali, rifiniti bene come gli abiti di sartoria degli anni sessanta. Mi piace adoperare tessuti (e filati) naturali e di pregio. Sono insomma dei capolavori di sartoria in miniatura. Lo stile è quello dell’abbigliamento infantile degli anni sessanta, epoca in cui io ero bambina: gonne a pieghe, scamiciati, tessuti scozzesi, pantaloni a mezza gamba, pullover e twin set lavorati a mano. A parte alcune stampate in 3D, anche le scarpe sono lavorate a mano con molta cura, adoperando una vecchia macchina Necchi per pellami e utilizzando vera pelle.

I cartamodelli con tutorial di alcuni indumenti di Zisa Dolls sono in vendita cliccando quì

 

Making

My dollshouse

The 1/12 scale Georgian dollshouse I built from scratch in the 2015

Dollshouse-facade.jpg
My dollshouse facade

In my life I had tried several times to build a dollhouse: a first attempt then abandoned in adolescence, a second successful when my daughters were little girls, even if it was a toy version. But building a model of a miniature house, like a collector’s house, had remained an unexpressed dream. Until in 2015 I decided to buy a project for a Georgian house and I started my work. I then built the house in plywood, while for doors, windows and stairs I availed myself of ready-made material to paint. I have molded roof tiles one by one with the DAS clay. Floors and wallpaper are images taken from the web, printed and glued (on the floors I then passed some glossy paint). I bought some furniture ready in 1/12 scale, but the most of them come from a preformed plywood kit. At that time there were in my city fablabs equipped with laser cutting machines and 3D printers, otherwise I think I would have gone there. Some furniture I built from scratch. I made by hand all sanitary pieces for the bathroom, with cernit and copper. I made stoves with DAS clay. I embroidered carpets with cross-stitched. I sewed (by hand or with the sewing machine) dresses, curtains, pillows and bed sets.  I personally made baskets and hats while the polimer clay was a great help for: food, frames, accessories, toys, other furniture. All this work took 3 months.

Below the ready house:

This slideshow requires JavaScript.

This slideshow requires JavaScript.

La casa georgiana in scala 1/12 che ho costruito per intero nel 2015

Nel corso della mia vita avevo provato più volte a costruire una casa di bambole: un primo tentativo poi abbandonato nell’adolescenza, un secondo ben riuscito quando le mie figlie erano bambine, anche se si trattava di una versione giocattolo. Costruire però un modello di casa in miniatura, di quelle da collezionisti, era rimasto un sogno inespresso. Fin quando nel 2015 ho deciso di acquistare un progetto per una casa Georgiana e ho iniziato la mia opera. Ho quindi costruito la casa in multistrato, mentre per le porte, le finestre e le scale mi sono avvalsa di materiale già pronto, da dipingere. Le tegole le ho modellate una per una col DAS, pavimenti e carta da parati sono immagini prese dal web, stampate e incollate (sui pavimenti ho poi passato della vernice lucida. Ho acquistato alcuni mobili già pronti in scala 1/12, ma la maggior parte di essi derivano da kit di compensato pre sagomato. A quel tempo non esistevano nella mia città fablab con tagliatrice laser e stampante 3D, altrimenti credo che mi sarei rivolta a loro. Alcuni mobili li ho costruiti per intero. Tutti i pezzi sanitari per il bagno li ho realizzati a mano col cernit e il rame. Le stufe le ho realizzate con DAS. I tappeti li ho ricamati prersonalmente a punto a croce. Abiti, tende, cuscini e corredi da letto li ho cuciti a mano o con la macchina da cucire. Ho realizzato personalmente tutta la cesteria e i cappelli mentre il cernit è stato un valido aiuto per: cibi, cornici, accessori, giocattoli, altri mobili. In tutto ho impiegato 3 mesi.

https://photos.app.goo.gl/odaGbzRlCpfZDcxN2

https://photos.app.goo.gl/h2TN8DLiRjXrWYaJ3

Making

Rediscover the magic of water slide decals

In my childhood we played with water decals. These were sachets of decorations for sale in stationery shops, with floral or childlike decorations. You had to cut out the desired figure, wet it a few seconds in water and then slide the film containing the image onto the surface to be decorated. We were all very good at this job, adults and children, and the decals adhered preferentially on smooth surfaces, especially on the glass. In some old houses you can still find a water decal stuck from the 50s, with a rose or a bear. The decals were in fact indelible, it could break the glass first, but the image remained in the pieces shattered.


81g7+3f0grL._AC_UL320_SR226,320_

Then the stickers arrived, which are not the same thing, and the stationers stopped selling  water decals. Too bad because it was a good way to decorate without the glimpse of the thickness of the decoration, as happens with stickers or decoupage.

I searched desperately for old decals on the web and I realized that they still exist to decorate nails, strange habit! However, for me they are fine, because the decorations are very small and I can use them for the 3D printed Ball Jointed Zisa Doll furniture!

Riscoprire la magia delle decalcomanie ad acqua

Nella mia infanzia si giocava con le decalcomanie ad acqua. Si trattava di bustine di figurine in vendita nelle cartolerie, con decorazioni floreali o infantili. Bisognava ritagliare la figura desiderata, bagnarla alcuni secondi in acqua e poi far scivolare la pellicola contenente l’immagine sulla superficie da decorare. Eravamo tutti bravissimi, adulti e bambini, e le decalcomanie aderivano preferenzialmente sulle superfici lisce, specialmente sul vetro. In alcune vecchie case si può ancora trovare una decalcomania appiccicata dagli anni 50, con una rosa o un orsetto. Le decalcomanie erano infatti indelebili, poteva rompersi prima il vetro, ma l’immagine restava nei pezzi frantumati.

Poi sono arrivati gli stickers, che non sono la stessa cosa, e le cartolerie hanno smesso di vendere le decalcomanie. Peccato perché era un buon modo di decorare senza che si intravedesse lo spessore della decorazione, come avviene con gli stickers o il decoupage.

Ho cercato disperatamente vecchie decalcomanie sul web e mi sono resa conto che esistono ancora per decorare le unghie, strana abitudine! Ma per me vanno bene, perché le decorazioni sono molto piccole e le posso adoperare per i mobili di Ball Jointed Zisa Doll stampati in 3D.

 

 

Making

3D printed Zisa, a shared project

 

Zisa is a doll but also a shared project. Generated from the need to offer a soft and lovely toy to be attached to, made with love to be loved.

Looking back the doll history, we realize that the search for the right materials has committed sculptors and Toy makers for centuries. Dolls require lightweight and resistant materials, washable, but also soft, non-toxic and especially beautiful, able to mimic the brightness and smoothness of the skin.
From the sixties onwards the material of choice was the PVC, used to print the majority of consumer dolls.

Its contraindications for doll makers are two:
The material can not be said to be completely non-toxic and requires expensive equipment. That is why the eco-friendly manufacturers in recent decades have tried to recover the traditional materials as porcelain, wood and felt.

However if you do not want to confine quality dolls in the reign of elderly and wealthy collectors, you have to look with curiosity at what it is offered by the modern technology, and at the time the 3D printing is offering great possibilities, even if its technology is still to be improved.

Currently the most environmentally friendly material is PLA (polylactic acid), lightweight and washable. The only difficulty in 3D printing is what is called aliasing, in the case of Zisa doll dealt with a sanding process in the post production phase.

These are considerations upstream of my decision to print in 3d heads and hands of Zisa Dolls using PLA.
I hope that in the future 3d filaments will be cheaper and the 3D thecnology improved, but in the meantime Zisa exists as STL file (the necessary extention  to print in 3D) and represents a shared project. If the Zisa dolls prices by www.zisadolls.com may seem expensive, in fact, there is the option “DIY” option, buying STL and PDF files with patterns and tutorial step by step tutorials. In this way Zisa can be created at home, in a FabLabs, in humanitarian Associations, missions, and schools.

 

Zisa è una bambola ma anche un progetto condiviso

Nasce dall’esigenza di offrire un giocattolo morbido e affettuoso a cui affezionarsi, fatto con amore per essere amato.

Guardando all’indietro la storia delle bambole ci si accorge che la ricerca dei materiali giusti ha impegnato scultori e giocattolai per secoli. Le bambole infatti necessitano di materiali leggeri e resistenti, lavabili, ma anche morbidi, atossici e sopratutto belli, capaci di imitare la luminosità e morbidezza della pelle.
Dagli anni sessanta in poi del secolo scorso il materiale di elezione è stato il PVC, usato per stampare la maggior parte delle bambole di largo consumo.

Le sue controindicazioni per giocattolai artigiani che hanno a cuore la salute dei bambini sono due:
Il materiale non può dirsi completamente atossico e necessita di apparecchiature costose, inquinanti e ingombranti per lo stampaggio. Ecco perché i produttori eco-friendly in questi ultimi decenni hanno cercato di recuperare materiali del passato, come porcellana, legno e feltro.

Tuttavia se non si vogliono relegare le bambole di qualità nel regno di anziani e ricchi collezionisti, bisogna guardare con curiosità a ciò che offre la moderna tecnologia e al momento lo stampaggio in 3D offre delle buone possibilità, anche se tutta la tecnologia è ancora da perfezionare.

Al momento il materiale più ecologicò è il PLA (acido polilattico), leggero, lavabile e di buona resa. L’unico problema da risolvere nello stampaggio in 3D è quello che viene chiamata scalettatura, e che nel caso delle Zisa Dolls, che sono bambole realistiche, viene risolto con la levigatura nella fase della post-produzione.

Queste considerazione stanno a monte della mia decisione di stampare in 3d le teste e le mani delle Zisa Dolls  usando il PLA.
Spero che in futuro i materiali saranno più economici e il procedimento più semplice, ma nel frattempo Zisa esiste come file STL (l’estensione necessaria per stampare in 3D) e si propone come progetto condiviso. Se le bambole in vendita su www.zisadolls.com possono sembrare costose, esiste infatti l’opzione “fai da te”, acquistando file STL e PDF con cartamodelli e tutorial step by step. In questo modo Zisa potrà essere creata in famiglia, in una fablab, ina sede di associazione umanitarioa, in una missione, in una scuola.